fbpx

Come misuri la condizione del tuo gruppo giovanile?

 

“Andate dunque e fate miei discepoli tutti i popoli battezzandoli nel nome del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo, insegnando loro a osservare tutte quante le cose che vi ho comandate. Ed ecco, io sono con voi tutti i giorni, sino alla fine dell’età presente(Matteo 18:19-20)

 

“Così parla il SIGNORE degli eserciti: «Riflettete bene sulla vostra condotta! (…) dice il SIGNORE. «Voi vi aspettavate molto ed ecco c’è poco” (Aggeo 1:7,9)

 

A volte c’è tanto “rumore” intorno alle attività e alle scelte di un gruppo giovanile.

 

Ci sono i genitori dei giovani che portano le loro lamentele o i propri complimenti per il lavoro fatto.

 

c’è la preoccupazione costante per i giovani che vengono la domenica al culto, oppure una volta ogni tanto alla riunione giovanile, ma non sono assidui.

 

C’è il numero dei partecipanti, che però a volte dipende anche da chi è libero da impegni lavorativi quel giorno della settimana e a quell’orario, e risente anche di possibili trasferimenti altrove per matrimoni o questioni di lavoro.

 

E poi c’è l’umore generale, che pure influenza molto la percezione di “come sta andando il gruppo giovanile”.

 

In realtà tutte queste cose sono indicatori davvero inaffidabili per valutare l’opera di un gruppo giovanile. Risentono molto più dell’influenza di questa società di voler “piacere” o “soddisfare” gli interessi degli ascoltatori e avere successo nel senso di popolarità, che non il concetto di efficacia in senso biblico.

 

Seppure tutte le cose precedenti siano importanti (noi stessi abbiamo consigliato poche settimane fa uno strumento per misurare anche “l’umore del tuo gruppo giovanile”), probabilmente un responsabile dei giovani dovrebbe porsi soltanto queste quattro domande, in quest’ordine di importanza:

 

1) Quanti giovani si sono convertiti durante quest’anno grazie anche (o soprattutto) al gruppo giovanile?

 

2) Quanti sono più maturi nella fede quest’anno rispetto a quando abbiamo iniziato? Ovviamente questo comporta la solidità nelle vie del Signore, la gioia della fede e la capacità di testimoniare di essa sia nella chiesa che all’esterno.

 

3) Quanti di loro sono stati battezzati nello Spirito Santo?

 

4) E infine, la domanda più triste: quanti hanno smesso di frequentare la chiesa durante quest’anno, allontanandosi dal Signore?

 

Ci sono tanti altri aspetti importanti a contorno: quanto è unito il gruppo giovanile? Le attività che facciamo sono interessanti? La musica è gradevole? Le loro domande, anche di natura intellettuale, trovano risposta? Sono tutte cose importanti.

 

Ma questi sono elementi a supporto o di contorno, mezzi e non obiettivi. Se ci fossero tutti questi bellissimi ingredienti ma mancassero i quattro elementi elencati sopra (ovvero: conversioni, battesimi nello Spirito Santo, maturità e fedeltà da parte dei giovani), allora dobbiamo davvero fermarci e valutare eventualmente di cambiare tutto perché c’è da chiedersi che tipo di opera spirituale stiamo compiendo: questo gruppo giovanile è solo un club?

 

E’ solo un luogo di ritrovo? Se così fosse allora stiamo mancando il bersaglio, perché non è questo ciò che ci ha chiesto Gesù, piuttosto Egli ci ha mandato a fare discepoli… (Matteo 28:19-20)

Responsabili dei giovani, è prioritario avere i giusti obiettivi, quelli che veramente Gesù si aspetta da noi! Smettiamo di guardare soltanto al numero di partecipanti. Smettiamo di fissarci innanzitutto su chi non viene e magari non è mai venuto alla riunione giovanile, perché a questo punto possiamo soltanto pregare per loro e farci sentire ogni tanto.

 

Ma i giovani che ci sono davanti, cosa stanno ricevendo dal nostro servizio? Cosa stanno imparando davvero? La grazia o la legge? La Croce o come divertirsi? A piacere agli altri o a piacere a Dio?

 

Quando la direzione è quella giusta, il resto viene da sé. Ma guardiamo innanzitutto nel nostro cuore alle nostre vere motivazioni.

 

Custodisci il tuo cuore più di ogni altra cosa, poiché da esso provengono le sorgenti della vita. (Proverbi 4:23)

 

Condividi questo articolo con i tuoi amici!

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su telegram
Condividi su whatsapp
Condividi su email

Ricevi le nostre ultime notizie da Google News

In evidenza

Potrebbe interessarti anche....