parallax background
6 prove che hai trovato l’uomo/la donna della tua vita
23 Maggio 2018
“V” come videogioco o “V” come violenza?
28 Maggio 2018

Lo leggi in 2 minuti

Pace a tutti , il  mio nome è Antonella.

Ho conosciuto il Signore fin da piccola. I miei genitori, che erano credenti, mi hanno sempre parlato di Dio, facendomi costantemente frequentare la chiesa e tutte quelle attività che venivano organizzate per i bambini, i ragazzi e gli adolescenti. Vi voglio raccontare un po’ la mia infanzia e una delle difficoltà che, insieme alla mia famiglia, ho dovuto affrontare.

All’età di sei anni, mentre stavo giocando, mia madre notò degli atteggiamenti strani in me, non  rispondevo più agli stimoli: era come se fossi svenuta. Da quel giorno iniziarono tutti gli accertamenti e i ricoveri in ospedale. Il mio neurologo iniziò a darmi dei farmaci per far calmare le crisi; i farmaci avevano effetto ma mi davano effetti collaerali in altre parti del corpo: ad esempio stavo per rimanere cieca, ma ringrazio Dio che non fu così.

Ero stata dichiarata il terzo caso mondiale ed il secondo caso italiano; sono stata oggetto di studio per i neolaureati in neuropsichiatria infantile.

La cosa che rimase impressa nella mia mente fu una conversazione in cui il neurologo disse a mia madre: << Signora si faccia forza perché un giorno le crisi di Antonella passeranno, ma sarebbe già tanto se riuscisse ad arrivare alla quinta elementare: non ce la farà a conseguire gli studi >>.

Mia madre lo guardò e per tutta risposta gli disse: “So in chi ho Creduto“.

Crescendo, le crisi sono scomparse del tutto.

L’ultimo neurologo, confrontando gli esami di quando ero piccola con quelli di oggi, è rimasto sbalordito, sorpreso, non riusciva a credere a ciò che vedeva. Ripeté più di una volta una frase: <<questi sono gli esami della ragazza che ho qui davanti a me?>> .

Quest’ultimo, sempre più stupefatto, mi disse che non avevo più nulla ed ero guarita del tutto.

Ringrazio Dio per questo grande Miracolo.

” Non temete e non vi sgomentate a causa di questa gran moltitudine, poiché questa battaglia non è vostra ma di Dio” (II Cronache 20:15)

Questo versetto ha segnato la mia guarigione e  mi ha anche fatto diventare una figlia di DIO: continuo a ringraziarLo per come mi ha guarito e perché ha permesso che mi potessi diplomare.

Caro/a Amico/a che stai leggendo questa testimonianza posso dirti che Dio ha fatto Grandi miracoli nella mia vita, mi ha guarito e mi ha Salvata.

Credi in DIO e sarai salvato anche tu.

Dio ti benedica

 

Ti è piaciuto questo articolo? Condividilo con i tuoi amici!