fbpx

Libero e Felice: la Storia di Matteo

 

Mi chiamo Matteo, ho 22 anni, studio ingegneria e voglio raccontarvi come Dio ha cambiato la mia vita. Sono nato in una famiglia semplice, di fede cattolica e sin da bambino ogni domenica andavo a messa con mia madre.

 

Non avevo un particolare interesse per la religione, la consideravo quasi un’imposizione, una cosa da dover fare. A 14 anni decisi di non frequentare più la chiesa, dicendo fra me e me: “io credo in Dio ma non voglio fare più niente di forzato”.

 

Nello stesso periodo appresi la notizia che alcuni miei zii, attratti dalla musica proveniente dalla chiesa evangelica, entrarono rimanendo molto colpiti dalla Parola tanto da iniziare a frequentare i culti. Dopo un po’ di tempo anche io e mia madre, incuriositi, provammo ad andare per la prima volta in chiesa evangelica.

 

Inizialmente la cosa colpì molto più lei che me, nei giorni successivi iniziai a vedere i primi cambiamenti notando che era molto più gioiosa rispetto al solito. Una sera ascoltammo un pensiero tratto dalla Bibbia in cui si affermava che siamo tutti peccatori e abbiamo bisogno di Dio e possiamo invitarLo ad entrare nella nostra vita e farlo diventare la nostra quotidianità.

 

Quella sera stessa mia madre fece quella richiesta a Dio mentre io mi limitai soltanto ad ascoltare perché dentro di me sentivo che c’era qualcosa di vero in quelle parole ma non mi interessava.

 

Cominciai ad andare saltuariamente a qualche riunione giovanile, finché un giorno in uno di quegli incontri sentii che mi mancava qualcosa e decisi di provare a fare la stessa esperienza di mia madre chiedendo a Dio di entrare nella mia vita e di perdonarmi per i miei peccati.

 

In quel momento mi sentii veramente LIBERO e FELICE. Ringrazio Dio per quell’esperienza perché da quel giorno ho sempre avuto un nuovo amico su cui contare e un sostegno nei momenti difficili. Anche noi ragazzi abbiamo i nostri problemi, le nostre indecisioni, ansie e perplessità sul futuro ma con Dio non saremo mai Soli.

 

Desidero concludere la mia testimonianza con questo verso: “Dio parla una volta, e anche due, ma l’uomo non ci bada.” (Giobbe 33:14) Non ignorare Dio, con Lui puoi solo guadagnarci!

Condividi questo articolo con i tuoi amici!

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su telegram
Condividi su whatsapp
Condividi su email

Ricevi le nostre ultime notizie da Google News

In evidenza

Potrebbe interessarti anche....